All posts tagged: Viajar

World’s 100 best beaches // La Top 100 delle più belle spiagge al mondo! // Las 100 playas màs bonitas

In Europe, and everywhere “Upabove”, it seems that summer finally has landed (Milan was boiling with 40°C these days, and here Downunder, we never loose our summery mood and we are so close to hot spots on the planet, already within a 2-3 hours reach in Australia. The weekend is approaching and daydreaming about a beautiful beach is more than understandable and it helps to get by these last 2 days of the week. So here is some pictures of some extraordinary beaches you might want to visit one day or daydream for now 🙂 Have a look and see if you ever been to one of these ones! http://edition.cnn.com/2013/05/28/travel/100-best-beaches  ——— // ——— in Europa, e nell’emisfero nord, oramai sembra che l’estate sia arrivata, (a Milano le temperature hanno raggiunto i 40° gradi dopo un’ingrata primavera!9) e qui Downunder non smettiamo mai di pensare all’estate! Perchè in Australia esiste l’inverno? La gente si ostina ad usare le Havaianas anche sotto i 15°C a Melbourne, ma tutto fa’ colore! 🙂 E comunque in 2-3 ore si …

FIJI Part 2: Sigatoka Sand Dunes // Le FIJI e le dune di sabbia

When I started looking over the internet which were Fiji  highlights, I read about the Sigatoka Sand Dunes. Before these sand dunes, looking back at the past, I’ve been to some in New Zealand and Australia, on Fraser Island, and probably to something similar in Europe, but not to the famous ones in France. I was curious to see them in Fiji and that is why on Tuesday morning at 8am we were at the “gate” of the Sigatoka Sand Dunes National Park, yes because it’s best to visit them early in the morning or just before they close down as it may be too hot during the day. We were offered to do the tour with a guide and we accepted in order to learn a bit more about the place. And that’s when Epeli took the scene. We started walking up the forest and meanwhile I was thinking that it had been a while since my last bushwalk. I’ve always been used to walk in the mountains and all-around since little, but it’s …

TasMANIAC – Chapter 2

It’s the 31st of January, 1 month in the new year and that’s when I usually, but probably most of the people are, start missing holidays, being somewhere else than your home and the ‘no worries’ mindset. So that is why I’ll go on with the 2nd chapter of TasMANIAC! I don’t remember if I already told you that we got our rental car canceled, so we quickly had to re-plan our trip and since we had 4 full days, we decided to take it slowly. We spent 1 ½ day in Hobart, starting from our Xmas evening, where we were wandering around the city craving for something to eat. Everything was closed, it was windy and probably we were not that well equipped. we knew ‘Tassie’ was a bit colder, but we were still in the summer months, but the wind is always the guilty one. Anyway, finally at the seaport, we see some people and some lights, a Fish & Chips: Fishy Business. It’s just in front of Mures, which is supposed to …

14.1.2013: 1st day of the 2013 Australian Open in Melbourne / Oggi sono iniziati a Melbourne gli Australian Open 2013

And finally the long waited Australian Open 2013 started today. The city of Melbourne is full of people and it is bustling with energy everywhere. A sunny Melbourne. A breezy Melbourne. A perfect temperature for the players, not too hot, not too cold. Many players are involved, of course some of the greatest, such as Djokovich, that won today against Paul-Henry Mathieu (6-2 6-4 7-5), Venus Williams (6-1, 6-0) and Sharapova (6-0, 6-0) a lot Spanish players, a lot of Australians of course, and a few Italians. Unfortunately all the Italians are out: Fabio Fognini (0-6, 6-2, 4-6, 6-3, 1-6), Simone Bolelli (5-7, 4-6,3-6), Flavio Cipolla (1-6, 4-6, 1-6), Karin Knapp (6-3, 3-6, 3-6) and Camilla Giorgi (2-6, 2-3), but Paolo Lorenzi, who is playing right now against Kevin Anderson from South Africa. And just now the ‘Aussie’ Hewitt just lost to the Serbian Tipsarevic (7-6(4) 7-5 6-3) … Here are the results so far. And have a look here for some pics and videos! Keep watching!!!  

Buon anno! / Feliz año Nuevo/ Happy New Year

Quest’anno avendo passato il capodanno in Australia ho guardato alle celebrazioni di capodanno in giro per il mondo con più interesse, soprattutto quelle avvenute in Europa. E pensare che l’anno scorso ero a Madonna di Campiglio, in un rifugio, il ‘Montagnoli’, con amici per un classico capodanno sulla neve. E con un’inaspettata mossa alla 007 per poterci bere lo spumante, abilmente nascosto nella neve dai nostri amici per stare in fresco. Divertente! Ma chi l’avrebbe mai detto che 9 mesi dopo ci sarebbe stato questo drastico cambio e sarei finita nuovamente ‘Downunder’, in Australia, e precisamente a Melbourne?! Sinceramente non mi è neanche passato per l’anticamera del cervello (espressione spesso usata da mia mamma)! Comunque buon anno a tutti! Quest’anno niente tradizione de ‘las doce uvas’ come in Spagna, che mangiano 12 chicchi d’uva, uno ogni rintocco fino alla mezzanotte. Quest’anno capodanno completamente opposto e cioè in spiaggia, con il caldo, l’umidità e le palme.  Non c’è proprio da annoiarsi. Godetevi le foto e che il 2013 sia un anno fantastico per tutti!!! ———- // …

Banderas: amarilla-roja … azul-roja / Spanish Flag, Australian Flag / Bandiere e cugini

Hasta hace muy poco estaba acostumbrada a ver la bandera espanola por Madrid. Y muchas veces la enorme bandera espanola de Plaza Colòn. En Italia, si no vives en Roma o no es el 150 anho de la Republica, normalmente no ves muchas banderas por las calles. O por lo menos si hay, no son tan grandes. Creo que no somos muy nacionalistas ni patrioticos al no ser que hay la Euro Copa, el Mundial o estamos fuera de nostro paìs. O por lo menos eso parece. El otro dìa estaba corriendo y de repente me encuentro con la bandera australiana delante. Y he pensado como cambian las cosas tan rapido. Durante casi 3 anhos he visto la bandera amarilla y roja y ahora desde hace 3 meses ya ha cambiado de color. Es azul, roja y con un poco de blanco. Ya, porque ya estoy en Australia y otra etapa ha comenzado. Me llevo todo lo bueno de Espana en mi corazòn, me he ido màs rica, no de dinero, quizàs un poquito sì …

Turismo in aumento / Tourism is growing

Leggete qui dal Corriere della Sera: http://www.corriere.it/cronache/12_novembre_06/un-miliardo-di-turisti_157b76b2-281c-11e2-9e66-88ac4e174519.shtml Nonostante la crisi il turismo è in aumento, chiaramente nei paesi emergenti. E l’Italia si posiziona 5a come destinazione mondiale dopo USA, Francia, Stati uniti, Spagna e Cina. E’ sicuramente una nota positiva. Vuol dire che le persone continuano a viaggiare e non si è persa la voglia, di scoprire, conoscere, sperimentare. L’Italia con destinazioni come Roma, Venezia e Firenze, solo per citarne alcune, forse potrebbe fare di meglio! Se solo sapessimo venderci e si agisse tutti verso la semplificazione dei processi, la protezione e la valorizzazione delle nostre bellezze! Comunque 5° posto non rimane poi male. Viva l’Italia! ———- // ———- I just read an article on the Corriere della Sera that says that tourism is increasing beyond the crisis and that we’ll be reaching 1 billion of tourists travelling by the end of this year. Being Nov 13th the Day estimated to be the dya of the number 1 billion tourist and OMT will celebrate it. Italy is 5th among the tourist choices worldwide after the …

Caffè Brunetti Melbourne, Dubai e Singapore. A Melbourne, come essere in Italia. / Caffè Brunetti Melbourne, Dubai Singapur/ore.

Vi ho già parlato del Cafè Brunetti in un precedente post, ma domenica sono andata al locale originale nel quartiere di Carlton e cioè il quartiere italiano per eccellenza di Melbourne. Si gira per le strade e si sente parlare italiano ovunque e, se non fosse per l’apparenza delle strade e delle casette a schiera stile inglese, saremmo in Italia perché il 90% dei negozi vendono prodotti italiani e quasi tutti i ristoranti sono italiani, di origine italiana o si vendono come tali. Anche da noi ci sono gli Egiziani che fanno la pizza, no? A parte una breve introduzione sul quartiere, volevo parlarvi del Caffè Brunetti http://www.brunetti.com.au . Il primo bar si trova in Faraday St, quasi angolo con Lygon St, la strada centrale di Carlton. Anche se presto si sposterà al 380 di Lygon St, la sua posizione originale. Vi parlo del primo bar perchè ce n’è un altro in Swanston St, nel centro di Melbourne, ed altri e poi anche a Dubai al Dubai Mall, e a Singapore al 01 – 35 …

Tacchi alti per non imbarcare / High Heels to save money

Stamattina presto avevo il volo per tornare a Melbourne da Sydney. Volavo Tiger Airways, una low-cost cinese, tipo Ryanair o Easyjet, che opera in Australia e verso altre destinazioni in Asia. Con prezzi competitivi e un po’ più permissiva rispetto a Ryan e Easyjet perché ti lascia portare a bordo 2 colli, per esempio un trolley e una borsetta, l’importante è che il peso totale sia pari a 10Kg. All’andata tutto in regola, forse un Kg in più che pero’ è stato tollerato, ma avendo comprato un libro e delle riviste al ritorno già superavo il limite. Soprattutto all’andata non mi avevano pesato la borsa. Colpa mia, non ero così sull’attenti come mio solito perché ero un po’ stanca. Comunque l’hostess di terra, che solamente dopo ho scoperto stesse facendo training a un’altra ragazza e per questo era così ligia, lucky day!, mi ha consigliato di vedere se riuscivo ad eliminare o a mettermi addosso qualcosa per evitare la multa di 70 AUSD$. Diciamo che è stata proattiva e molto collaborativa, e di questo la …

Il film / The movie: “On the road”

Ieri sera sono andata a vedere il film, dopo aver letto il libro, di “On the Road”. Sempre esprimo la mia personale e umile opinione rispetto a un libro cult, chiaramente. Iniziamo col fatto che il film, per le riprese, i veicoli in movimento, i continui cambiamenti di scene e quindi le varie storie di viaggi da’ l’idea di essere On the road e quindi Sulla strada. La fotografia anche mi sembra fatta bene, mia modesta opinione, e i panorami sono stupendi nella loro immensità. Si capisce sicuramente di essere in America, e se non fosse l’America, sarebbe comunque un grande continente. A me, avendo letto il libro, sono mancati alcuni passaggi, anche forse focali per capire l’evoluzione della storia, tra i vari, per esempio, la litigata tra Sal e Dean, che sullo schermo sembra solamente un disappunto e non viene approfondita, l’aspetto centrale del praticare l’autostop e le storie che si sviluppano durante questi tragitti, o alcuni dettagli che rappresentano Sal ancora di più come un animo gentile, discreto ed educato. Guardando il film …